25 marzo 2017
Aggiornato 16:30
Archeologia

L'Egitto festeggia la scoperta della statua di Ramses

La statua è stata scoperta da archeologi egiziani e tedeschi in una baraccopoli del Cairo, nei pressi dell'antica città di Heliopolis. La statua era sepolta in acqua e fango nella zona dove vive la classe operaia di Matariya.

IL CAIRO - Una statua gigante di quarzite, alta 8 metri e raffigurante il faraone Ramses II, che governò l'Egitto tra il 1279 e il 1213 aC, è stata scoperta da archeologi egiziani e tedeschi in una baraccopoli del Cairo, nei pressi dell'antica città di Heliopolis. La statua era sepolta in acqua e fango nella zona dove vive la classe operaia di Matariya.

Il Faraone che si oppose a Mosè
Ramses II, detto il Grande, è celebre per aver condotto molte missioni militari che consentirono all'impero egiziano di espandersi dalla Siria a est di Nubia e da alcuni studiosi è considerato il faraone che si oppose a Mosè durante l'Esodo.