29 aprile 2017
Aggiornato 07:00
Ungheria

La movida di Budapest nei «Ruin Pub»

Si tratta di un fenomeno relativamente giovane ma già diventato un must nella vivace e giovane capitale ungherese. Sono un nuovo laboratorio di tendenze, divertimento e cultura nati tra le macerie dei magazzini e degli edifici storici abbandonati, nel quartiere ebraico.

BUDAPEST - Non solo i classici caffé o le birrerie, la nuova tendenza della movida di Budapest sono i Ruin Pub. Si tratta di un fenomeno relativamente giovane ma già diventato un must nella vivace e giovane capitale ungherese. Sono un nuovo laboratorio di tendenze, divertimento e cultura nati tra le macerie dei magazzini e degli edifici storici abbandonati, nel quartiere ebraico.
«I ruin pub sono nati a Budapest nel 2001 per ridare vita ai palazzi fatiscenti di ringhiera che il governo non aveva i soldi per ricostruire. Ogni luogo è stato arredato e ristrutturato mantenendo intatta la vecchia struttura usando tutto ciò che è vecchio o di modernariato, come giocattoli, automobili, biciclette e tutto quello che sarebbe finito nella spazzatura» racconta la responsabile comunicazione di Szimpla il primo e più noto pub in rovina.

Uno degli appuntamenti imperdibili della vita notturna di Budapest
Dal pomeriggio fino a notte fonda il grande giardino e le moltissime stanze su vari pieni si popolano di ragazzi e di turisti affascinati dall'atmosfera retrò. Ogni sera ci sono concerti e proiezioni di film indipendenti, le installazioni artistiche da sole meritano anche soltanto una visita.
Si tratta di uno degli appuntamenti imperdibili della vita notturna di Budapest, negli ultimi anni ne sono sorti una cinquantina. I prezzi popolari di cibi e bevande poi attirano soprattutto i più giovani, mentre la generazione dei quarantenni ungherese che ha vissuto l'era comunista non li ama molto.
Nonostante le temperature rigide i ragazzi amano passare la serata in giardino a chiacchierare e ascoltare musica, ogni scusa è buona per una birra in più.