23 maggio 2017
Aggiornato 14:30
La casa come vorrei

6 lampade ispirate al mondo animale. L'icona del made in Italy

Tra le più celebri lampade del secondo Novecento italiano, ce ne sono alcune che portano con disinvoltura il nome di un animale. Curiosi di scoprire quali sono? Houzz ne ha raccolto sei.

(© Glickman Schlesinger Architects)

Lasciamoci ispirare dal regno animale per arredare la casa con un tocco originale. Ecco 6 lampade, icona del Made in Italy, ispirate proprio ad altrettanti animali con i consigli degli esperti di Houzz.

Gatto
Progettata per Flos dai fratelli Achille e Piergiacomo Castiglioni (1952), la Gatto rappresenta un caso emblematico in materia di innovazione. Ciò che la distingue in maniera inequivocabile è il materiale impiegato per il diffusore, quel «cocoon» che avvolge come un bozzolo la struttura in acciaio regalando una luce soffusa. A ricordare un felino sono le dimensioni e la destinazione d’uso: non state immaginando la presenza discreta di un gatto sinuoso che si guarda intorno?

Glickman Schlesinger Architects - Trova altre idee per il soggiorno

(© Glickman Schlesinger Architects)

Pipistrello
Una lampada importante, dalle forme scultoree, che ricalca nella configurazione del diffusore le ali spiegate di un pipistrello in volo e può essere regolata in altezza grazie al movimento telescopico del suo stelo. A firmarla nel 1965 la designer-architetto Gae Aulenti.

(© Hauvette & Madani)

Hauvette & Madani - Ispirazione per creare una veranda

Spider
Proprio come un ragno che si arrampica su un filo sfidando il vuoto e la forza di gravità, Spider permette di alzare o abbassare l’altezza e l’inclinazione del corpo luminoso in alluminio verniciato, adattando la luce alle esigenze di chi abita la stanza. A firmare questo progetto da antologia, vincitore nel 1967 del Compasso d’Oro, il grande designer Joe Colombo.

(© stephane chamard)

stephane chamard

Snoopy
Una base in marmo e un diffusore in cristallo verniciato nero caratterizza l’inedito tratto di questa celebre creazione dei fratelli Castiglioni rimasta in produzione dal 1967 fino al 2003 per il marchio Flos. Il suo nome è un ironico omaggio al grande protagonista dei fumetti di Charles M. Schulz, il cane Snoopy di cui ricalca la forma allungata del muso.

(© Heather Merenda)

Heather Merenda

Cobra
Progettata nel 1968 da Elio Martinelli, Cobra si ispira alle virtù snodabili dei serpenti di cui ricalca le orme grazie alla capacità del diffusore di essere girato e orientato di 180 gradi. Una lampada in resina con due configurazioni speculari: la prima composta e raccolta (in foto), la seconda slanciata, «da attacco» che si ottiene girando il collo alla lampada.

(© Ar.keystudio)

Ar.keystudio

Monkey
La Monkey Table Lamp firmata dall’azienda «pop che più pop non si può», l’italiana Seletti, Monkey raffigura con dovizia di dettagli una scimmia che osserva una lampadina con tutta la curiosità di chi guarda per la prima volta qualcosa di sorprendente.

Lightology

(© Lightology)

- foto di copertinaGlickman Schlesinger Architects