28 aprile 2017
Aggiornato 14:00
Festival di Sanremo 2015

Carlo Conti: «Prima le canzoni, poi lo show»

Presentato il regolamento della kermesse sanremere, ma nessuna anticipazione sullo show tv: «E' ancora presto, ora inizia la parte più bella e difficile, la selezione delle canzoni. Parallelamente apriamo la fase televisiva, ma sarà l'ultima. Non ci abbiamo pensato».

SANREMO - Nessuna anticipazione su chi lo affiancherà sul palco dell'Ariston, ma Carlo Conti scherza sul tema alla presentazione del regolamento del 65esimo Festival di Sanremo: «La presenza femminile non guasta, essendo io un po' bruttino va bene un po' di bellezza». Il direttore artistico della manifestazione non si sbilancia su chi eventualmente condurrà con lui il Festival, nè sui nomi dei cantanti in gara o degli ospiti internazionali. «E' ancora presto, ora inizia la parte più bella e difficile, la selezione delle canzoni. Parallelamente apriamo la fase televisiva, ma sarà l'ultima. Non ci abbiamo pensato» ha detto Conti.

COMMISSIONE DI ESPERTI - La prima fase della preparazione del Festival, conclusa con la presentazione del regolamento, lascia il posto appunto alla selezione dei brani in gara: «Da domani si parte con l'invio dei brani - ha detto Conti - il 9 dicembre si pubblicano sul sito le Nuove proposte, due arrivano da Area Sanremo, il 14 c'è invece l'elenco ufficiale dei Campioni». Il conduttore fa anche chiarezza sui criteri di scelta delle canzoni in gara, nella quale sarà affiancato da una commissione di esperti: «Da me non sentirete la frase 'rimetterò al centro la musica': con tutta la buona volontà e la mia esperienza sceglierò canzoni che possano essere canticchiate o lasciare il segno per quello che dicono».

DIMINUISCO I COSTI - Anche il direttore di Rai Uno, Giancarlo Leone, ha ribadito il concetto: «Il metodo quest'anno è lavorare sul Festival della canzone. Tutto quello che è il programma televisivo verrà dopo».
Per quanto riguarda i costi del Festival, Leone ha ricordato il rinnovo della convenzione con il Comune di Sanremo, che costa 1,5 milioni in meno rispetto al 2014. «Non faremo i furbi - ha detto Leone - e non metteremo questo milione e mezzo sul programma».

AREA SANREMO, FACCHINETTI PRESIDENTE - Sarà Roby Facchinetti, tastierista, compositore e voce dei Pooh, a presiedere la commissione di Area Sanremo che selezionerà le future promesse della musica italiana e darà la possibilità a due di loro di accedere al Festival nella «sezione giovani». Dopo l'annuncio della partecipazione di Mogol, Area Sanremo è riuscita a coinvolgere un altro volto storico della canzone italiana, completando la commissione di cui fanno parte anche la cantante Syria e il rapper Dargen D'Amico.