25 febbraio 2017
Aggiornato 21:00
Video profetici

Tutti con gli occhi fissi e la schiena curva sullo smartphone: ecco cosa ci accadrà

Moby ha realizzato un cartoon in video in cui mostra come, da schiavi dello smartphone, stiamo trasformando le nostre vite e la società. Ecco cosa ci accadrà se non inizieremo a sollevare gli occhi e a guardarci intorno

Smartphone dipendenti, sempre più con gli occhi fissi sullo schermo (© Syda Productions | shutterstock.com)

Un video ispirato alla matita di Max Fleischer, divenuto famoso nel secolo scorso per aver dato ‘vita’ a personaggi come Betty Boop e Braccio di Ferro. Divenuti poi fumetti e cartoon di culto.

Soli in un mondo ostile
È «Are you lost in the world like me», un titolo che si potrebbe riassumere in una frase come ‘sei anche tu sperduto in questo triste mondo, creato da noi stessi’. È il titolo della canzone di Moby & The Void Pacific Choir, che accompagna il ‘corto’ realizzato da Steve Cutts in cui si profetizza quella che sarà la sorte nostra e della società se non ci risvegliamo dal torpore indotto dall’uso sempre più massiccio di smartphone e simili.

Perduti
Si è così: gli occhi fissi sul display, sempre e in ogni caso. Tanto che ci si perde la vita che ci scorre accanto. Si è immersi in una realtà virtuale che estrania dalla realtà vera. Non ci si rende più conto che saremmo persone, vive. E che ce ne sono altre accanto a noi, che magari vorrebbero vivere. Insomma, la società del sempre connesso, dei rapporti sempre più virtuali, se non si pone dei limiti arriverà davvero agli estremi come quelli presentati in questo video – e che in parte sono già stati raggiunti. Questo il messaggio del video che, ovviamente, va guardato sullo smartphone…

Il video