27 marzo 2017
Aggiornato 12:30
Gusto

Se vuoi profumare, mangia aglio. Sì, proprio così

Temuto come la peste, non solo dai vampiri, l’aglio è considerato il nemico dell’alito. Ma una ricerca scientifica lo elegge invece quale insolito deodorante, e che piace alle donne. Ecco come e perché

Per avere ascelle che profumano, mangia aglio (© bikeriderlondon | shutterstock.com)

Quanti storcono il naso di fronte alla prospettiva di mangiare un piatto che contenga aglio in dosi più o meno elevate? Molti, perché sanno che questo può ‘ammorbare’ l’alito e pregiudicare la vita sociale o, peggio, sentimentale. Ma che dire se qualcuno suggerisse che proprio l’aglio può essere un efficace deodorante del corpo che piace addirittura alle donne? Ecco cosa ne pensano gli scienziati.

La natura sa quello che fa
Quando vogliamo essere sicuri di non avere ascelle maleodoranti, a causa del sudore o per altri motivi, di solito ci rivolgiamo ai deodoranti o antiodoranti chimici. Ma i ricercatori ci informano che possiamo anche trovare una risposta nella natura, la quale sa sempre quello che fa – a differenza di noi.

Ascelle puzzolenti
Per osservare gli effetti dell’aglio come antiodorante per il sudore, in particolare quello delle ascelle, i ricercatori della Facoltà di Scienze della Charles University a Praga (Repubblica Ceca) hanno arruolato un gruppo di volontari maschi che dovevano mettere a disposizione le loro ascelle. I partecipanti sono poi stati suddivisi a caso in due gruppi dall’equipe guidata dalla dott.ssa Jitka Fialova. Gli appartenenti al primo gruppo dovevano seguire una dieta senza aglio, mentre quelli del secondo una dieta comprendente l’equivalente di 2-4 spicchi di aglio al giorno (sia sotto forma di aglio crudo che in capsule).

Un ‘profumo’ piacevole e sensuale?
Aglio, rapporti sociali e di coppia. Chiunque metterebbe la mano sul fuoco asserendo che l’aroma può rendere difficoltoso avere rapporti di questo genere. Per cui se qualcuno si azzarda a dire che invece il profumo che dona è piacevole o addirittura sensuale potrebbe essere preso a sassate. Eppure… I risultati dello studio pubblicati su Appetite hanno rivelato che gli assorbenti di cotone che i partecipanti dovevano indossare per tutto il tempo di durata dello studio, fatti poi annusare da un gruppo di volontarie femmine, hanno sortito un effetto sorprendente.

Mi piace così
Le donne ‘annusatrici’ dovevano giudicare l’odore percepito in base all’intensità, alla sgradevolezza o per contro in base alla piacevolezza, fascino e mascolinità. Contro ogni più rosea previsione, soprattutto da parte dei partecipanti, l’odore di chi aveva mangiato aglio è stato giudicato meno intenso, ma soprattutto molto più piacevole e attraente. Certo, si è parlato di odore delle ascelle e non dell’alito. Ma se si pensa che per quest’ultimo si può rimediare in modo semplice ed efficace (vedi qui come) allora non resta che lasciare andare tutti i pregiudizi nei confronti dell’aglio che è e rimane un condimento sano e protettivo per la salute. Ah, ma perché proprio l’aglio dovrebbe rendere più buono l’odore corporeo? Secondo i ricercatori il merito sarebbe delle sue proprietà antibatteriche.