21 febbraio 2017
Aggiornato 10:30
Le proprietà del burro di Murumuru

Burro di murumuru, il ringiovanente naturale per pelle e capelli

Proprietà, usi e costi del burro di Murumuru per la bellezza di pelle e capelli

La fonte dell’eterna giovinezza ancora non l’abbiamo trovata. Ma conosciamo metodi naturali che possono donarci un aspetto più giovanile e sano. Uno di quelli che ancora forse pochi conoscono è il burro di murumuru, le cui proprietà ringiovanenti sono davvero eccellenti. Ecco dove puoi trovarlo e come sfruttare al massimo le sue virtù nutritive.

Dal Brasile, il grasso che ringiovanisce
Si chiama Murumuru ed è un burro ricavato dai semi dell’Astrocaryum Murumuru, una pianta tipica del Brasile. Quando lo si tiene tra le mani si può subito avvertire la sua ottima profumazione, delicata ma piacevole, un po’ come quella che proviene dalla pianta di Cacao. Il suo aspetto è molto simile al burro di karité.

Niente da invidiare al burro di cacao e di karité
È senz’altro meno diffuso, il suo uso nel nostro Paese, ma non ha niente da invidiare ai burri classici come quello di cacao e karité. Anch’esso, infatti, è un potentissimo antiossidante grazie alla presenza di vitamina A. La sua composizione, inoltre, lo rende un rimedio eccezionale per nutrire e idratare la pelle in profondità, in particolare per la presenza di vitamina F.

  • Approfondimento: cos’è la vitamina F?
    Non è una vera e propria vitamina, bensì un complesso di sostanze nutritive. Il suo nome deriva dal termine inglese Fatty Acids (acidi grassi) perché formata da un complesso di omega 3, omega 6 e omega 9. È considerata essenziale perché il nostro organismo non è in grado di sintetizzarla in modo autonomo. La vitamina F, oltre a essere fondamentale per la pelle, è importante nella prevenzione delle patologie cardiovascolari. È anche un precursore delle prostaglandine, degli ormoni che giocano un ruolo fondamentale nella prevenzione delle infiammazioni.

Una pelle più giovane ed elastica
Il burro di Murumuru contiene anche altri componenti unici e di tutto rispetto: l’acido caprilico, l’acido laurico, l’acido miristico, l’acido caprico e l’acido stearico, i quali fanno sì che la pelle rimanga molto elastica. Questo è un fattore molto importante, specie se si ha in previsione una gravidanza o una dieta finalizzata a un’elevata perdita di peso. In questi momenti, infatti, è facile che la pelle, priva di elasticità, tenda a formare smagliature o abbia un aspetto «cadente». Il burro di Murumuru evita che tutto ciò accada.

Ottimo anche per la salute dei capelli
Il burro di Murumuru è adatto a quasi tutti i tipi di capelli. Perfetto per chi ha i capelli fini, secchi, con doppie punti e tendenti al crespo. Inoltre ha un punto di fusione molto basso, che si avvicina più a quello del burro di cocco che di quello del cacao. Già intorno ai 30-33 gradi Centigradi si scioglie con facilità, per cui è sufficiente tenerlo un po’ tra le mani per scioglierlo prima della sua applicazione. In alternativa, può essere utilizzato anche come maschera per capelli, leggermente fuso sul fuoco. Il risultato? Capelli lucidi, morbidi e idratati che si pettinano con estrema facilità.

Dove si compra il burro di Murumuru
Il burro di Murumuru si trova facilmente nelle erboristerie e farmacie specializzate. In alcuni casi è possibile trovarlo anche nei supermercati un po’ forniti. Un barattolo da 100 grammi costa mediamente 12 euro.

Come usare il burro di murumuru per i capelli fragili e secchi
Sciogli velocemente a bagnomaria un cucchiaio di burro di Murumuru e aggiungi 10 gocce di oli essenziali di lavanda, 5 di rosmarino e 15 di ylang ylang (evita l’incanutimento dei capelli). Cospargi su tutti i capelli e distribuisci bene aiutandoti con un pettine. Lascia in posa per circa venti-trenta minuti, dopo di che passa allo shampoo abituale. Le dosi vanno dimezzate se i capelli sono corti. Se hai poco tempo, applicane una piccola quantità solo sulle punte, a capello asciutto.

Come fare una crema antirughe con il burro di murumuru
Fai sciogliere a bagnomaria 30 g di burro di murumuru, 15 g di olio extravergine di oliva e 10 g di cera d’api. Quando il tutto sarà completamente fuso, versa in un contenitore in vetro e continua a mescolare fino a rassodamento completo. Al termine, aggiungi alcune gocce di oli essenziali di incenso, arancio dolce e limone.